Il 16 febbraio si è tenuto un confronto informativo con il Presidente della Focsiv, Ivana Borsotto, sulla situazione nella zona del Tigray, in Etiopia, a cui hanno partecipato Eccomi e molte ONG che operano sul territorio.
Nella prima parte un giro di presentazione per conoscere la zona geografica su cui si opera e la tipologia di progetto.
Abbiamo appreso (operando noi nella zona del Dawro Conta, parte sud dell’Etiopia e molto lontani dalla zona del Tigray) una situazione di grave emergenza. Le notizie non trapelano, anche perché i canali di informazione sono bloccati. Ci raccontano di bombardamenti, gli ospedali sono al collasso e la gente è senza provviste alimentari.
È importante collaborare per cercare di far conoscere la situazione attuale.
Focsiv si attiverà per dare visibilità alle testimonianze locali che saranno segnalate dalle associazioni.
Ci si chiede davanti ad uno scenario di tale gravità come possiamo e in che modo dare il nostro aiuto e se aperti ad una collaborazione insieme.

Fortunatamente i nostri progetti proseguono, tra tutti:
Pozzo per distribuzione dell’acqua

Scuola materna

Centro scout con attività di aggregazione, formazione, sartoria, supporto all’avvio di attività economiche