Progetto Twitezimbrere

L’Associazione  TWITEZIMBERE con sede a Muyinga è costituita di persone con handicap e organizza attività formative, lavorative e ludiche  per i propri soci.

Attualmente i soci sono 42 prevalentemente con handicap alle gambe.

I soci dell’Associazione da tempo realizzano originali cartoline augurali con disegni ottenuti ritagliando foglie e incollandole su cartoni: fabbricano inoltre rosai multicolori con vari materiali, cestini e oggetti in legno.

Hanno realizzato,anche con il nostro aiuto, e gestiscono un piccolo atelier ed una panetteria dove producono pane, dopo aver fatto frequentare un corso per panettieri ad alcuni soci.

Oltre alle attività lavorative, organizzano la partecipazione dei soci ad attività locali e nazionali per persone con handicap, corsi di apposita ginnastica ed hanno una squadra di pallavolo con cui partecipano a tornei.

I soci infine vengono aiutati a procurarsi protesi e sedie a rotelle e a superare situazioni particolarmente critiche.

I progetti di fine 2020 e 2021 a cui abbiamo contribuito sono stati:

1- costruzione di un piccolo edificio e acquisto di quanto necessario per fare saponette. Infatti l’unico invito alla popolazione per combattere il covid è stato quello di lavarsi le mani: ma mancava il sapone specie nei villaggi rurali. Il progetto è stato completato e le saponette prodotte vengono vendute.

2- costruzione di un dormitorio in cui alloggiano 16 soci che erano in condizioni precarie. L’edificio è stato completato dotato di cisterne per la raccolta e distribuzione dell’acqua piovana. E’ in corso l’acquisto di letti e materassi.

E’ un villaggio con 105 famiglie di cui 20 hanno avuto da poco una casa in mattoni cotti al sole e 85 vivono in capanne di foglie.
Ogni famiglia ha 6/8 figli piccoli, e quindi parliamo di un paese di bambini.

Vivevano facendo recipienti di terracotta ma, con l’avvento della plastica anche in Burundi, hanno perso il loro lavoro.
Lo Stato ha fatto una scuola elementare nel villaggio ma può accogliere solo una piccolissima parte dei bambini.

Per l’acqua devono scendere ad una sorgente che dista 45 minuti di cammino, ed il ritorno con i recipienti pieni di acqua è in salita. Bambini e bambine e donne sono addetti a questo lavoro.
Quando abbiamo fatto vedere foto del villaggio a burundesi di Bujumbura, ci hanno detto che non credevano esistesse ancora un villaggio cosi.

Abbiamo pensato che fosse giusto adottare questo villaggio, incredibilmente povero , e abbiamo finalizzato un apposito progetto.

  • Abbiamo costruito un’aula per le Garderies,che accolgono bambini da 3 a 5 anni
  • Abbiamo avviato due nuove cooperative con 40 donne ognuna, inserite nel progetto Cooperative
  • E’ prevista la costruzione di una seconda aula
  • E’ prevista la relizzazione di due prese di acqua nel villaggio , collegandosi ad un acquedotto che passa vicino al villaggio ed è in costruzione da parte di una ONG
Torna su