Kurdistan – Emergenza Cristiani – non lasciamoli soli

Da gennaio a novembre 2014 in Iraq 328.086 famiglie, 1.968.516 persone, sono fuggite dalle loro case senza portare nulla con sé. 746.562 sfollati hanno trovato riparo nel Kurdistan iracheno, di cui 30.948 famiglie, 185.688 persone, nella sola città di Erbil. Per questo FOCSIV e Avvenire hanno deciso, d’intesa con Iscos-Cisl, Mcl, MASCI, AC , Banca etica, Eccomi, di sostenere un progetto di cooperazione.

L’animazione dei ragazzi è stato il primo passo, quello che gli esperti di primo soccorso umanitario definiscono «Child protection»: da lì si è partiti con una serie di interventi mirati secondo la filosofia di completare con l’«elemento mancante» a quello che è il sostegno di base di Unicef e Acnur.

Si trattava di fornire pentole e posate a chi aveva solo un fornelletto; il sale per cuocere a chi riceveva un pacco di riso alla settimana; coperte a chi aveva solo un materassino; kit igienico-sanitari in particolare per donne con neonati; istruzione a chi aveva solo tempo da perdere.

Eccomi e Masci si sono attivati per una raccolta fondi che si è conclusa nel 2016 e hanno contribuito a questa iniziativa con 5.765 euro.

Torna su