Organizzazione di Volontariato

Tag: focsiv

Etiopia – La situazione è molto grave nel Paese

Il 16 febbraio si è tenuto un confronto informativo con il Presidente della Focsiv, Ivana Borsotto, sulla situazione nella zona del Tigray, in Etiopia, a cui hanno partecipato Eccomi e molte ONG che operano sul territorio.
Nella prima parte un giro di presentazione per conoscere la zona geografica su cui si opera e la tipologia di progetto.
Abbiamo appreso (operando noi nella zona del Dawro Conta, parte sud dell’Etiopia e molto lontani dalla zona del Tigray) una situazione di grave emergenza. Le notizie non trapelano, anche perché i canali di informazione sono bloccati. Ci raccontano di bombardamenti, gli ospedali sono al collasso e la gente è senza provviste alimentari.
È importante collaborare per cercare di far conoscere la situazione attuale.
Focsiv si attiverà per dare visibilità alle testimonianze locali che saranno segnalate dalle associazioni.
Ci si chiede davanti ad uno scenario di tale gravità come possiamo e in che modo dare il nostro aiuto e se aperti ad una collaborazione insieme.

Fortunatamente i nostri progetti proseguono, tra tutti:
Pozzo per distribuzione dell’acqua

Scuola materna

Centro scout con attività di aggregazione, formazione, sartoria, supporto all’avvio di attività economiche

Le diaspore e le nuove generazioni per la ripresa e lo sviluppo sostenibile

I migranti e le nuove generazioni, sono persone che, nonostante molte difficoltà, vivono e rappresentano dei veri e propri soggetti attivi dello sviluppo del nostro Paese, e della cooperazione internazionale. Se maggiormente riconosciuti e coinvolti, possono divenire degli attori importanti per la ripresa e lo sviluppo sostenibile italiano ed europeo.

È essenziale dare valore al volto positivo, al protagonismo, di chi vive, studia e lavora nel nostro Paese; di chi crea relazioni e opera per migliorare la salute, l’educazione, l’economia e la tutela dei diritti umani in Italia e nei Paesi di origine. Sono queste le tematiche affrontate nel video Diaspore protagoniste per lo sviluppo sostenibile”,  che FOCSIV con GCAP Italia lanciano oggi su scala europea, nel quadro del progetto Volti delle Migrazioni .

Da alcuni anni le diaspore si sono impegnate in un percorso di creazione di una rete nazionale di associazioni migranti con lo scopo di essere rappresentate presso il Ministero Affari Esteri, e con l’obiettivo di contribuire attivamente alla politica di cooperazione allo sviluppo. In tale senso, il Summit Nazionale delle Diaspore ha rappresentato uno spazio aperto e allo stesso tempo il cammino di costruzione di questa ambiziosa visione.

Con le sue numerose attività locali e nazionali, il Summit è riuscito a dar voce ai migranti e alle nuove generazioni che vivono in Italia, al fine di conquistare rilevanza nelle scelte politiche per lo sviluppo sostenibile.  È uno strumento per accrescere la democrazia attraverso la partecipazione attiva delle associazioni dei migranti. 

La nostra video produzione raccoglie così, da un lato la visione e le speranze di alcuni protagonisti del Summit e, dall’altro, il significativo riconoscimento al mondo diasporico della Viceministra per la cooperazione internazionale, Emanuela Del Re. 

Le voci e i volti di Ada, Cleophas, Tatiana, Bertrand e Andry, ci parlano del loro impegno sociale, della loro voglia di partecipare a creare un mondo migliore, sostenibile e più umano. E se il piano per la ripresa socioeconomica ha il titolo “NextGenerationEU”, il dibattito politico italiano non può evadere il tema della cittadinanza delle nuove generazioni di italiani. Se l’Italia e l’Europa vogliono tornare a crescere nel mondo, per lo sviluppo sostenibile, la politica deve promuovere la partecipazione attiva delle nuove generazioni e delle diaspore.

Anche il Piemonte “Ha riso per una cosa seria”

Anche il Masci Piemonte ha collaborato per la campagna “Abbiamo Riso per una cosa Seria”.

Durante l’Assemblea Regionale c’è stata l’occasione per poter portare avanti questa importante iniziativa.

Si è deciso di “sfruttare” l’Assemblea per poter seguire a pieno tutte le direttive anti-Covid19, perché si è potuta così gestire la vendita del riso rispettando distanze ed evitando assembramenti.

I risultati sono stati più che positivi perché si è riuscito a vendere tutto il collo in dotazione.

Un gran bel risultato per questa importante campagna.

© 2021 Eccomi

Tema di Anders NorenSu ↑